Home » AVVIATO IL PROGETTO SAMIA – “Sportello di prevenzione e contrasto alla diffusione dell’HIV e delle MTS in favore di persone immigrate”

AVVIATO IL PROGETTO SAMIA – “Sportello di prevenzione e contrasto alla diffusione dell’HIV e delle MTS in favore di persone immigrate”

LogoSAMIA

“Sportello di prevenzione e contrasto alla diffusione dell’HIV e delle MTS in favore di persone immigrate”

Il CAMA LILA da Martedì 22 Marzo 2016, avvierà due “Sportelli di prevenzione e contrasto alla diffusione dell’HIV e delle MTS in favore di persone immigrate”. I destinatari del Progetto SAMIA potranno usufruire del servizio, ogni Martedì dalle ore 9.00 alle 11.00 presso la Clinica di Malattie Infettive dell’AOU Policlinico di Bari ed ogni Mercoledì dalle ore 17.00 alle 19.30 presso la nostra sede in Via Castromediano nr. 66 a Bari

Il progetto è promosso dalla Regione PugliaArea Politiche per lo sviluppo economico, lavoro e l’innovazioneServizio Politiche Giovanili e Cittadinanza Sociale; si inserisce nell’ambito degli interventi atti all’inclusione culturale; è in partenariato con l’Azienda Ospedaliera Universitaria Consorziale Policlinico Bari UO Clinica di Malattie Infettive e dell’Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Bari ed ha le seguenti finalità:

  • Migliorare il grado di consapevolezza della coscienza sanitaria in tema di prevenzione all’HIV e alle MST da parte dei destinatari;
  • Ridurre il contagio HIV e MST tra la popolazione straniera e non;
  • Ridurre il grado di discriminazione tout court;
  • Migliorare la consapevolezza, nel target dei beneficiari, sulla causa-effetto della diffusione dell’HIV/AIDS e delle MST;
  • Ridurre i costi socio-sanitari, a causa della effettiva diminuzione del numero delle infezioni;
  • Raggiungere sacche di utenza di difficile accesso;
  • Offrire un modello significativo di servizi di assistenza, di accoglienza, presa in carico ed orientamento rivolto a cittadini stranieri, in grado di sostenere l’impatto che i flussi migratori in Italia determinano;
  • Migliorare l’accesso ai servizi da parte dei destinatari;
  • Migliorare la conoscenza, da parte degli stranieri, delle risorse presenti sul territorio adibite all’accoglienza, all’orientamento e all’assistenza sociosanitaria;
  • Facilitare i percorsi di integrazione sociale dei cittadini stranieri;
  • Implementare la rete dei servizi e delle associazioni;
  • Promozione della vaccinazione della epatite B in soggetti anche omosessuali con conseguente possibilità di aggancio su tematiche di ascolto/mediazione culturale e prevenzione HIV.

 Il progetto vuole favorire, soprattutto, gli interventi socio-sanitari di informazione per la prevenzione e la riduzione dei comportamenti a rischio attraverso il contatto e la sensibilizzazione degli Enti esistenti sul territorio; attraverso azioni di network e lavoro di rete; attraverso l’apertura di sportelli informativi per l’informazione e la prevenzione HIV+/AIDS e MST; e la realizzazione di Punti mobili di informazione.