Home » Sesso ai tempi del Covid-19

Sesso ai tempi del Covid-19

Dal nostro socio Davide Pagliaro, riceviamo e pubblichiamo, essendo convinti con lui che abbiamo il dovere di fare prevenzione sempre, senza continuare a fare del sesso un tabu’, con le conseguenze negative per la salute di tutti, a noi gia’ note, per l’esperienza sulla trasmissione delle malattie sessualmente trasmissibili che ci vede da circa 30 anni in prima linea!

Palumbo, andrologo ospedale San Giacomo di Monopoli

 

Il partner più sicuro è chi condivide il proprio tetto e non serve la mascherina. Per le coppie distanti ok al sesso ‘virtuale’, ma sempre attenti al rischio di revenge porn. Promosso l’autoerotismo ma con l’accortezza di aver lavato le mani per almeno venti secondi. Rimane al primo posto il consiglio di utilizzare i preservativi per prevenire infezioni sessuali o gravidanze indesiderate.

Insomma, fedeli per decreto: la persona con cui si condivide l’isolamento forzato è anche il partner più sicuro per fare sesso e non serve la mascherina perché SARS-CoV-2, per ora, non è stato trovato nel liquido seminale o vaginale. Queste e altre indicazioni, già proposte al Ministero della Salute, arrivano dalla Società Italiana di Andrologia (SIA), che per chiarire tutti i dubbi sulla sessualità prosegue il servizio telefonico gratuito di consulenza al numero 02/50043133 e fornisce le raccomandazioni su come vivere l’intimità evitando di contagiarsi e di diffondere l’infezione da coronavirus.

Comprare Cialis generico online da 5,10 o 20 mg in farmacia-potenza totale sicurezza e senza ricetta medica. La pillola oltre che nelle farmacie tradizionali con ricetta, è in vendita anche on line dove la versione denominata Cialis generico

“Già moltissimi pugliesi si sono rivolti a noi per chiedere aiuto e consigli: la maggior parte ci chiede se e con chi si può fare sesso e se la mascherina serva a evitare il contagio – osserva Fabrizio Palumbo, Dirigente Medico e Responsabile Ambulatorio Uro Andrologia, Ospedale San Giacomo di Monopoli e presidente della Commissione Scientifica SIA  Sebbene il contagio non avvenga sessualmente, il rapporto implica, ovviamente, una vicinanza fisica che amplifica la possibilità di contagio perchè il coronavirus si trasmette con azioni connesse al rapporto sessuale, come baci e respiri preliminari. Il rischio nell’attività sessuale è dunque simile a quello del contagio entrando in contatto con le persone e il partner più sicuro è chi condivide l’isolamento forzato, a meno che non ci sia un comprovato o un alto sospetto di contagio, e non serve la mascherina. Via libera ai rapporti sessuali se non si è Covid positivi, ma bisogna astenersi se uno dei due ha contratto il virus o se ha lievi sintomi e una condizione clinica che potrebbe portare a un’infezione più grave, come malattie polmonari o cardiache, ipertensione, diabete, tumori o un sistema immunitario compromesso. Se uno dei due partner ha contratto SARS-CoV-2, inoltre, è bene aspettare la certezza di non contagiare prima di riprendere l’attività sessuale” – precisa Palumbo – “L’attuale situazione crea ansia e preoccupazione per la propria salute e quella dei propri cari, emozioni che non sono affatto amiche di una sessualità soddisfacente, il consiglio è quello di rilassarsi magari riscoprendo l’intimità con il proprio partner. Anche la ricerca di un figlio non richiede la sospensione delle procedure di procreazione medicalmente assistita già avviate”.

“Per le coppie che vivono distanti meglio propendere per valide alternative tecnologiche affidandosi magari al sexting, cioè allo scambio di messaggi e immagini a contenuto erotico ma stando sempre attenti a revenge porn. Anche i single possono conoscere meglio se stessi, attraverso l’autoerotismo che può essere un momento da dedicarsi e da cui trarre piacere con l’accortezza di aver lavato le mani per almeno venti secondi. Naturalmente oggi è ancora più importante una buona igiene intima prima e dopo i rapporti sessuali e il consiglio di utilizzare i preservativi rimane al primo posto per prevenire infezioni a trasmissione sessuale come ad esempio l’HIV o gravidanze indesiderate” conclude Palumbo.